Ultimo aggiornamento:  12 Dicembre 2022

Anche un vaccino sicuro può rivelarsi dannoso

Secondo la suprema Corte, non si può escludere la potenziale pericolosità e dannosità di un vaccino solo perché viene qualificato dalla letteratura scientifica medica come sicuro. Nel caso venga richiesto un risarcimento danni, il giudice deve accertare se, nel caso specifico, può esserci un possibile collegamento tra l’inoculazione del farmaco e i pregiudizi lamentati, “tenendo conto non solo delle leggi statistiche, ma anche delle acquisizioni probatorie”. Se dovesse risultare provato che dal vaccino sono derivate conseguenze fisiche e/o psichiche decisamente invalidanti, il danneggiato ha diritto al risarcimento dei danni. 

IL FATTO

Il protagonista di questa vicenda giudiziaria, nel luglio del 1960, quando era un bambino di soli due anni di età, ha ricevuto la somministrazione della terza dose del vaccino antipolio Salk, ma ha contratto ugualmente la poliomielite riportando la paresi delle gambe. Negli anni successivi, subisce numerosi ricoveri ospedalieri per trattamenti e interventi chirurgici e nel 1986 gli viene riconosciuta l’invalidità civile al 100% per handicap grave con disturbi cardiologici legati alla somatizzazione dell’ansia. Nel 2009, in esito ad attenti controlli medici ed approfonditi esami, viene riconosciuto che la sua condizione poteva considerarsi una conseguenza del vaccino; anche perché quello a lui somministrato, aveva provocato casi di poliomielite e per questo era stato sospeso negli Stati Uniti

VICENDA GIUDIZIARIA

Convintosi della dannosità del vaccino, l’invalido ricorre in giudizio per chiedere il risarcimento di tutti i danni patiti al Ministero competente, ritenuto responsabile per aver consentito l’immissione in commercio e la distribuzione ai centri vaccinali di partite di vaccino non correttamente preparate e per aver omesso la prevenzione dei danni da lui patiti anche attraverso l’inoculazione della terza dose di vaccino, nonostante alcuni sintomi ne sconsigliassero la somministrazione.

In particolare, l’attore argomenta:

  • che il vaccino inoculatogli faceva parte di un lotto immesso sul mercato con virus non sufficientemente inattivato;
  • che fosse ritenuto pericoloso dalla letteratura specialistica, tanto da essere stato sostituito dal vaccino orale Sabin;
  • che avesse provocato alcuni casi di poliomielite negli Stati Uniti sin dal 1955.

Il Tribunale di Roma, con sentenza n. 11670/2014, accoglieva parzialmente la domanda risarcitoria e condannava il Ministero al risarcimento dei soli danni derivanti da sindrome post-polio, considerando quelli correlati alla poliomielite paralitica insorta nel 1960 non risarcibili per intervenuta prescrizione.

La Corte d’Appello di Roma, riformava la decisione negando il diritto al risarcimento, per mancanza del nesso causale tra la vaccinazione e i danni lamentati. Secondo il giudice dell’appello, il Ministero della Salute non poteva essere ritenuto responsabile per i danni derivanti dalla somministrazione di un vaccino che la letteratura scientifica qualificava come sicuro, in quanto il potenziale carattere dannoso del vaccino inoculato non era conosciuto all’epoca del fatto.

DECISIONE DELLA CASSAZIONE

La suprema Corte di Cassazione, con sentenza 18 novembre 2022, n. 34027, annulla la decisione perché non si può escludere il nesso causale tra la vaccinazione e i danni patiti solo perché la letteratura scientifica ne esclude la potenziale pericolosità e nega ogni possibile danno.

La Corte di Appello, secondo gli Ermellini, ha sbagliato a negare il nesso di causalità tra il vaccino e i danni lamentati senza approfondire il singolo caso sulla base della documentazione probatoria prodotta in giudizio. Si è conformata ad un “dogma” scientifico, quando avrebbe dovuto accertare se, nel caso specifico, i pregiudizi patiti potevano essere stati determinati dal difetto del farmaco inoculato, o dalla sua controindicata somministrazione.

Fanno osservare i giudici di legittimità che, peraltro, la decisione basata sull’assenza di evidenze scientifiche rispetto alla pericolosità di un vaccino, non risulta neppure conforme ai precedenti di legittimità secondo cui il Giudice deve valutare l’esistenza, o meno, del nesso causale tra fatto ed evento, “sulla base delle acquisizioni probatorie e non soltanto sulle astratte leggi statistiche”.

Infine, i giudici di legittimità richiamano l’attenzione sul fatto che anche la Corte di Giustizia dell’Unione Europea, con specifico riferimento all’inoculazione di un vaccino, aveva stabilito che ”la mancanza della prova scientifica della dannosità di un vaccino non può impedire l’individuazione processuale di un nesso di causalità tra l’inoculazione del farmaco e l’insorgere della malattia, dovendo il giudice investito della causa valutare scrupolosamente il quadro indiziario fornito dalla parte danneggiata per stabilire, nel caso specifico, l’eventuale inferenza tra la somministrazione del farmaco e l’evento lesivo”.

Per tali ragioni la decisione è stata cassata con rinvio alla Corte di Appello di Roma in diversa composizione, anche per procedere alla liquidazione delle spese del giudizio di legittimità.

Categorie

28 Ottobre 2022
Rilievi tridimensionali per la nuova Piazza Cairoli

Piazza Cairoli cambierà volto e cominciano le manovre per ridare una nuova luce a quella che è probabilmente la più iconica piazza del centro storico di Velletri. Nella serata di ieri il Sindaco Orlando Pocci ha annunciato i sopralluoghi per i rilievi, fotografando dall’alto la piazza suggestiva e priva di automobili proprio per consentire i […]

Leggi...
26 Luglio 2023
Cristina D’Avena in concerto a Velletri in Piazza Cairoli

Si svolgerà mercoledì 6 settembre, alle 19.30, in Piazza Cairoli il concerto di Cristina D’Avena nell’ambito delle iniziative dell’Estate Veliterna promosse da Comune e Pro Loco. Un pezzo di storia della cultura popolare e musicale italiana che riempie le piazze e coinvolge intere generazioni: “Il 6 settembre vivremo una grande festa, con canzoni memorabili che […]

Leggi...
4 Agosto 2022
“I Castelli Romani vanno a fuoco”

I Castelli Romani vanno a fuoco, dal lago Albano alla pineta di Tuscolo. È iniziata con un mese di anticipo la stagione dei fuochi, tutti dolosi. A parte i volontari nessuna Vigilanza Antincendio Boschivo, la base per prevenire i grandi incendi. Ormai sono anni che lo diciamo, ma dagli enti pubblici nessuna risposta. Bisogna inoltre […]

Leggi...
29 Settembre 2023
A Velletri un convegno sul futuro del settore vitivinicolo

“Vino-Futuro tra cambiamenti climatici e nuove opportunità”. E’ questo il titolo dell’incontro che si svolgerà domani, sabato 30 settembre, dalle 10,30, presso la Casa delle culture e della musica, in piazza Trento e Trieste a Velletri. Il convegno, moderato dal conduttore televisivo e agronomo, Luca Sardella, vedrà la partecipazione del Commissario straordinario dell’Ismea, Livio Proietti, […]

Leggi...
13 Febbraio 2023
Diretta Elezioni, a Velletri centrodestra sopra il 60%. Record Astensione

In diretta su Velletri Life Giornale i risultati delle elezioni regionali, i cui spogli sono iniziati alle ore 15.00. ORE 22.20: Elezioni Regionali, parziali 34 sezioni su 42 a Velletri. Francesco Rocca (Centrodestra) 8308 voti – 64,3%Alessio D’Amato (Centrosinistra) 3209 voti – 24,8%Donatella Bianchi (M5S/Sinistra) 1211 voti – 9,3%Sonia Pecorilli (Partito Comunista) 113 voti – […]

Leggi...
20 Maggio 2023
Il Festival dello Sviluppo Sostenibile a Velletri

Come da programma, si sono tenuti nei giorni 11 e 19 Maggio i due Eventi promossi dall’Associazione Velletri 2030 nell’ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile, promosso a livello nazionale dall’ASviS (Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile). Finalmente due incontri dove poter parlare di futuro con chi il futuro lo dovrà vivere veramente. Non la solita […]

Leggi...
velletri life media partner di:
chevron-down