Campagna contro l’abusivismo dei rifornimenti nei serbatoi di Gas Gpl

Altre Notizie

La maggioranza delle abitazioni del territorio sono dotate di un serbatoio di Gas Gpl. Non tutti, però, sono installati correttamente. È importante porsi alcune domande: l’installazione è corretta? Sono presenti tutti i documenti a norma di legge inerenti l’impianto? Conosco quali sono questi documenti?

Il primo passo è proprio la sensibilizzazione dell’opinione pubblica contro l’abusivismo dei rifornimenti nei serbatoi di gas Gpl. Per essere a norma di legge, l’impianto deve:

  • Essere installato rispettando le distanze di sicurezza dai fabbricati
  • Essere nuovo per uso GPL e completo della dichiarazione di conformità in corso di validità
  • Avere la valvola di sicurezza con collaudo biennale in corso di validità

Inoltre, a livello di documentazione, occorrono:

La denuncia alle autorità competenti dell’installazione presso terzi del serbatoio

La dichiarazione di corretta posa in opera del serbatoio GPL rilasciata dalla ditta installatrice

La dichiarazione di conformità L.37/08 linea adduzione gas (rilasciata dalla ditta esecutrice dell’impianto)

2 estintori portatili a polvere completi di dichiarazione di conformità e in corso di validità semestrale

A conclusione l’impianto deve avere il certificato di prevenzione incendi rilasciato dal comando Vigili del Fuoco prima di effettuare il primo rifornimento di GPL con validità 5 anni.

È obbligatorio avere in archivio questi documenti: qualora non fossero presenti, bisogna chiedersi se il serbatoio è installato a norma di legge. Se il serbatoio non rispetta i requisiti di legge l’assicurazione non risarcisce i danni in caso di sinistro e inoltre si incorre in reato nel caso in cui vi siano rifornimenti abusivi di GPL (con sanzioni fino a 50.000 euro per i clienti che autorizzano il rifornimento da parte di soggetti diversi dalla ditta proprietaria) o se l’utilizzatore non è in regola (si rischia l’arresto sino a tre anni).

È doveroso e fondamentale affidarsi solo ed esclusivamente ad aziende competenti che esercitano legalmente la professione, poiché sono le uniche che forniscono le documentazioni a norma di legge nonché le uniche abilitate al rifornimento del serbatoio.