Comune di Lariano, approvata, con largo anticipo, la delibera sugli equilibri di bilancio

Altre Notizie

E’ stata approvata, durante la seduta consiliare del Comune di Lariano di giovedì 11 luglio, la salvaguardia degli equilibri di bilancio come previsto dall’articolo 193 del Tuel (Testo Unico Enti Locali).

I Comuni devono effettuare una ricognizione degli equilibri di bilancio entro il 31 luglio di ogni anno. Il Comune di Lariano, con largo anticipo, ha deliberato la loro salvaguardia e tutti gli aspetti verificati sono risultati congrui.

Nello specifico, dalla ricognizione effettuata si sono registrate:

l’assenza di situazioni atte a pregiudicare gli equilibri di bilancio;

l’assenza di debiti fuori bilancio;

l’adeguatezza delle previsioni di entrata e di spesa all’andamento della gestione e all’andamento dei lavori pubblici.

“In primo luogo ringrazio la dottoressa Antonella Iannucci, responsabile del settore finanziarioha dichiarato l’Assessore al Bilancio Sabrina Verri al termine della seduta consiliaree tutto l’ufficio preposto che, con solerzia e meticolosità, ha fatto la verifica completa e puntuale di tutte le entrate e uscite che sono state iscritte fino alla data di oggi. La rilevazione non ha solo valore di verifica ma soprattutto prospettico, ovvero di intercettare le azioni da intraprendere per garantire l’equilibrio.  Con questo importante atto che siamo riusciti a deliberare con molto anticipo rispetto alla data naturale del 31 luglio si dimostra, a mio avviso, la seria programmazione svolta sia dagli uffici che dall’Amministrazione comunale. Sono orgogliosa dei progressi raggiunti rispetto agli anni precedenti. La nostra Amministrazione – ha concluso l’Assessore Verri – è nata ed è stata subito costretta ad un pesantissimo riconoscimento di un debito fuori bilancio, eredità della precedente consiliatura, nonostante ciò siamo riusciti ad abbassare il disavanzo di bilancio e contiamo di abbassarlo negli anni a venire”. 

Il Sindaco Francesco Montecuollo ha dichiarato: “E’ stato un Consiglio comunale molto tecnico, si trattava di ratificare variazioni di bilancio deliberate in Giunta comunale che necessariamente dovevano passare all’approvazione del Consiglio comunale. In più, doveva essere approvata la delibera per la salvaguardia degli equilibri di bilancio con la quale e attraverso la quale si è fatta un’importante ricognizione generale delle entrate e delle uscite perché, come dichiara il nostro Assessore al Bilancio Sabrina Verri, il bilancio è uno strumento vivo, elastico e dinamico che muta, può mutare o deve mutare secondo le necessità della città e quindi dell’Amministrazione”.

Oggi è stata anche la giornata in cui si dichiarava, in Consiglio comunale, lo scioglimento della convenzione di segreteria comunale fra il Comune di Lariano e quello di Cineto Romano. A ricoprire il ruolo di Segretario comunale presso il Comune di Lariano è stata finora la dottoressa Sonia Lamberti alla quale il Sindaco ha voluto tributare un saluto affettuoso e un sentito ringraziamento per la qualità e la quantità del lavoro che ha svolto a fianco dell’Amministrazione comunale. Alla fine del caloroso saluto del Sindaco, il Consiglio comunale, di cui erano presenti solo i Consiglieri di maggioranza, si è sciolto in un applauso indirizzato proprio alla dottoressa Lamberti.

Proprio in merito alla esclusiva presenza di Consiglieri di maggioranza nella seduta consiliare, convocata in mattinata, il Sindaco ha voluto fare delle sottolineature: “Rispetto alla mancata presenza dei Consiglieri di opposizione e al polemico comunicato uscito alla fine della seduta voglio sperare che non sia stata decisa strumentalmente perché non avrebbe ragione d’essere o, peggio, che sia stata solo un pretesto per sottrarsi ad un confronto su un bilancio che migliora sotto il profilo del disavanzo, e non solo, di anno in anno. I Consigli comunali convocati di mattina sono assolutamente e inequivocabilmente legittimi, alcuni Enti abitualmente li svolgono soltanto nelle ore antimeridiane, per le più svariate esigenze. L’assenza in blocco di tutti i Consiglieri di minoranza mi è sembrato un atteggiamento pretestuoso, velleitario, perfino capriccioso”.