“Elisa Maria Boglino: da Copenaghen a Roma. Tra due patrie nella pittura”. A Pescara la Mostra curata da Marco Nocca

Altre Notizie

L’Imago Museum di Pescara, sito nel centralissimo Corso Vittorio Emanuele II, sta ospitando un’interessante Mostra dedicata alla pittrice Elisa Maria Boglino: “da Copenaghen a Roma. Tra due patrie nella pittura”. L’esposizione è curata dal professor Marco Nocca, dell’Accademia di Belle Arti di Roma, ed è stata inaugurata il 27 aprile alla presenza del Sindaco di Pescara Carlo Masci, del presidente della Fondazione Pescarabruzzo Nicola Mattoscio e dei rappresentanti della famiglia Boglino, Sara Boglino e Nick Schmidt. Hanno partecipato, in rappresentanza del Comune di Velletri, anche il vice-Sindaco e Assessore alla Cultura Chiara Ercoli, l’Assessore Luca Quattrocchi e i consiglieri comunali Andrea Bizzarri e Dario Di Luzio.

Il lavoro di ricerca e selezione delle opere, confluito nella Mostra, va ad approfondire – per quella che è la prima retrospettiva a lei dedicata in Italia – la figura di Elisa Maria Boglino. Nata a Copenaghen nel 1905 e morta a Roma nel 2002, ha vissuto tra la Danimarca e l’Italia, trovando ispirazione da entrambe le sue patrie. Proprio da questa evidenza biografica muove il titolo della Mostra, a sottolineare la duplice natura artistica della pittrice che ha realizzato opere di vario tema, comprendendo ad esempio la condizione femminile, la maternità, l’amore. L’artista, attraverso i colori e i soggetti delle sue tele, trasmette ed esplora appieno sia i tratti della cultura nordica che quelli della cultura mediterranea. Elisa Maria Boglino si è ispirata a pittori come Masaccio e Piero della Francesca, ma anche a Munch oltre che agli esponenti principali dell’espressionismo nordico.

Nella sua parabola di vita, importante lo spostamento in Sicilia – a cavallo tra gli anni Venti e Trenta – e poi le peregrinazioni tra Danimarca e Italia fino al trasferimento definitivo, sul finire degli anni Quaranta, a Roma, dove dipinge in uno studio in Piazza di Santa Maria a Trastevere. Le sue opere sono conservate in diversi musei, a cominciare dalla Galleria d’Arte Moderna di Palermo passando per la pinacoteca del Castello Sforzesco di Milano oltre che in tantissimi altri luoghi. La mostra curata dal professor Marco Nocca restituisce visibilità ad un’artista importante che ha avuto un ruolo fondamentale nella storia dell’arte contemporanea. Come si legge sul sito di Imago Museum, Elisa Maria Boglino è stata una “artista appartata in vita e oggi riscoperta: una figura affascinante nel panorama artistico del Novecento europeo”. L’esposizione curata dal professor Nocca ha destato l’interesse dei principali giornali nazionali quotidiani, compreso quello del professor Vittorio Sgarbi che ha recensito la mostra su “Panorama”. Sarà possibile visitarla fino al 28 luglio, ed è un’occasione imperdibile per scoprire le bellezze della città adriatica e poi immergersi nell’arte.

Nelle foto, il curatore Marco Nocca con il Sindaco di Pescara Carlo Masci (prima foto in copertina) e il Presidente della Fondazione Pescarabruzzo Nicola Mattoscio.