In ricordo di Giuseppe Buonocore

Altre Notizie

La mattina del 10 giugno, circondato dall’affetto e dall’amore dei suoi familiari e dalla professionalità di tanti colleghi, è venuto a mancare il dott Giuseppe Buonocore. Nato a Velletri il 26 giugno 1940, nella città alla quale rimarrà sempre legato, completa gli studi presso il locale liceo classico per poi laurearsi nel 1969 in medicina e chirurgia presso l’Universita’ “La Sapienza” di Roma. In qualità di medico ortopedico svolge la sua attività sino al 1983 presso l’ospedale Colombo di Velletri e la Clinica “ Città di Aprilia” e successivamente, anche in qualità di fisiatra, presso le Asl di Anzio e Palestrina. Nel 1978, facendo fronte alle carenze assistenziali del territorio, decide di fondare il “Centro Ortopedico Fisioterapico” (C.O.F.), che da oltre 40 anni opera a supporto della salute della cittadinanza veliterna e non solo. Il dottor Buonocore era infatti fermamente convinto che Sanità pubblica e privata dovessero collaborare ponendosi al servizio del cittadino per supportarne la salute ed il benessere psicofisico.

La moglie Marilena ed i figli Alessia e Vincenzo, nel ringraziare tutti coloro che lo hanno conosciuto ed aiutato in questi ultimi anni in cui la salute si era fatta altalenante, vogliono lasciarne un ricordo.

Caro papà,
è la lettera più difficile che ci siamo mai trovati a scrivere ed e’ anche quella che ogni figlio vorrebbe rimandare all’infinito. Te ne sei andato in punta di piedi, senza clamore, lasciandoci un vuoto immenso che sarà difficile da colmare. Ci conforta il sostegno e l’affetto di quanti in questi giorni, saputa la notizia della tua morte, si sono stretti al nostro dolore. È per loro e per i tuoi amati nipoti, Giuseppe e Giulio, che abbiamo deciso di scrivere un tuo ricordo. Professionalmente parlando sei stato un medico straordinario, di quelli della “vecchia generazione”, competenti in tutti gli aspetti della medicina e non solo nella tua specialità, nella quale eccellevi per spirito di osservazione, acume e sintesi diagnostica e terapeutica. Lo dimostra il fatto che, nello studio sentiamo spesso i pazienti dire: “… sto facendo terapie allo studio Buonocore “. Reputiamo questa affermazione un attestato di stima che ripaga dei tanti sacrifici compiuti negli anni per creare una struttura all’avanguardia nella cura dei pazienti, ma che tiene conto anche del paziente in quanto persona bisognosa di attenzioni ed ascolto da parte di chi si prende carico della sua salute e del suo benessere.

Personalmente che cosa possiamo dire, se non ritenerci persone fortunate ad averti avuto come padre. Assieme a mamma:

  • Ci hai insegnato la compassione ed il rispetto per l’altro, facendoci capire quanto ogni essere sia unico e prezioso e come ciascuno dipenda dagli altri 
  • Ci hai insegnato il valore della cortesia e del rispetto dimostrandoceli sin da piccoli
  • Ci hai insegnato il valore dell’amicizia, quella vera
  • Ci sei stato accanto quando avevamo bisogno di essere rassicurati
  • Sei stato una guida nei momenti difficili 
  • Ti sei fatto da parte e ci hai lasciato andare avanti da soli quando era venuto il momento 
  • Ti sei rimpicciolito alla nostra misura quando giocavamo da bimbi e ti sei allargato a grandi altezze quando avevamo bisogno di protezione 
  • Ci hai insegnato che si apprende più da una sconfitta che da tante vittorie…
  • E adesso che si è bruciato il tetto finalmente puoi vedere le stelle.

Ciao papà ti vogliamo bene …”.