La Diocesi di Velletri e quella di Frascati si uniscono

Altre Notizie

Dovendo provvedere alla Diocesi Suburbicaria di Frascati rimasta vacante dopo la rinuncia per raggiunti limiti d’età del Vescovo Raffaello Martinelli, il Santo Padre Francesco ha unito “in persona episcopi” l’antica sede tuscolana a quella Veliterno – Segnina.

Ancora un mutamento territoriale per la nostra Diocesi a più di mezzo secolo dal traumatico smembramento del 1967 che fece nascere la Diocesi di Latina. Con la rinuncia per raggiunti limiti d’età al governo dell’antica cattedra tuscolana del Vescovo Raffaello Martinelli, si è iniziata l’attesa per conoscere la successione. L’attesa è finita Martedì 12 Settembre, quando alle 12.00 (ora in cui come consuetudine vuole cade il segreto pontificio con la pubblicazione sul bollettino della Sala Stampa Vaticana) è stato reso noto dal Vescovo Mons. Stefano Russo il provvedimento pontificio con cui vengono unite nella sua persona le antiche cattedre Veliterno – Segnina e Tuscolana.

Come si dice i corsi e ricorsi storici, per Frascati è la prima volta ma per noi è seconda, perché nella lunga storia della Cattedra di San Clemente si registrano già un precedente. Dopo la morte dell’ultimo Cardinale Vescovo Clemente Micara, non venne nominato subito un Vescovo ordinario ma un amministratore apostolico nella persona dell’Arcivescovo Mons. Arrigo Pintonello. 

Nel 1967 tutto il territorio diocesano ricadente nella provincia di Latina venne staccato per far nascere quella che è oggi la Diocesi di Latina – Terracina – Sezze e Priverno. A Velletri rimasta con le sole parrocchie urbane e quella di Lariano venne unita “in persona episcopi” la Diocesi di Segni lasciata vacante per la rinuncia del Vescovo Carli. 

Il vescovo nella cui persona vennero unite le due diocesi non fu subito un ordinario ma un amministratore apostolico stiamo parlando di Mons. Luigi Punzolo. Dieci anni dopo la morte del Cardinale Clemente Micara nel 1975 venne mandato a Velletri e Segni Mons. Dante Bernini. 

Per la fusione completa delle sue porzioni di chiesa, bisognerà attendere il 1986. La storia si ripete ancora. L’unione con Frascati mette insieme due antiche cattedre accumunate da importanti Eminentissimi Porporati che le hanno rette entrambe. Tra questi il Cardinale Enrico Benedetto Clemente Duca di York.

Al Vescovo Stefano i nostri auguri per questo nuovo incarico. Sarà faticoso certo, ma sicuramente pieno di soddisfazioni pastorali.  Ci piace ricordare che il Cardinale Clemente Micara al ricordo del quale siamo tutti legati era proprio nato a Frascati.

Alessandro Filippi