La scuola Rosita Zarfati di Velletri riceve dalla Comunità Ebraica di Roma un Attestato di benemerenza

Altre Notizie

La mattinata di venerdì 12 maggio la scuola Zarfati-Colle Carciano è stata inondata di una forte emozione onorata dall’arrivo di un prestigioso riconoscimento. La visita a fine gennaio da parte di Loredana Zarfati, sorella di Rosita, la bimba vittima nel campo di concentramento di Aushwitz, a cui è intitolata la scuola, aveva già segnato indelebilmente il cuore degli alunni e del personale docente e non docente della scuola Primaria e dell’Infanzia. L’accoglienza calorosa nei riguardi di chi è testimone di accadimenti di altissimo significato pedagogico e morale, aveva commosso la signora Loredana e suo fratello in visita quel giorno, grazie alla mediazione della storica veliterna Antonietta Lucchetti da sempre impegnata nella ricerca storica e nella divulgazione delle vicende del nostro territorio.

Il plesso Zarfati da anni educa i propri alunni al rispetto reciproco e al ricordo degli avvenimenti che hanno caratterizzato la Shoah come contributo allo sviluppo di una società democratica affinché non si ripetano mai più simili atrocità ed ingiustizie. Il nome della scuola ha sempre dato un maggiore impulso al raggiungimento di questo obiettivo. La storia di Rosita ha affettuosamente coinvolto gli alunni che, nel tempo, hanno imparato a renderla parte della loro vita scolastica e non, con riguardo e come un perenne monito al rispetto di tutti, così come lo studio della storia dovrebbe fare.

Grazie all’apprezzamento di tanto lavoro nella sensibilizzazione degli alunni nei riguardi della piccola Rosita e delle vittime della Shoah da parte della signora Zarfati, il nome della scuola Zarfati è arrivato sino alla Presidente della Comunità ebraica di Roma, Ruth Dureghello, che ha onorato il plesso con un attestato di benemerenza con la seguente motivazione “per il meritevole impegno con cui il corpo docente contribuisce alla diffusione della conoscenza della Shoah onorando la Memoria della bambina alla quale la scuola è dedicata”. L’attestato, arrivato attraverso le mani della Lucchetti, ha colto di sorpresa l’intero plesso, e alla presenza del preside prof. Giovanni Santulli, una piccola rappresentanza del personale docente, degli alunni delle classi prime e degli alunni delle classi quinte, pronti al decollo nel loro viaggio della vita, lo ha ricevuto emozionata.

Un sentito ringraziamento alla disponibilissima Dott.ssa Lucchetti e alla Sig.ra Loredana per aver condiviso l’operato del plesso e per aver riconosciuto l’importanza della quotidianità lavorativa degli insegnanti, per noi docenti la più preziosa ricompensa.