La scuola Zarfati-Carciano alla Festa delle Camelie di Velletri

Altre Notizie

“La camelia, da gran signora, non ha mai fretta.  Cresce con una lentezza esasperante, molto zen”. Questa frase, insieme ad altre, descrive e arricchisce il meraviglioso “Camelieto incantato” della scuola “Zarfati-Carciano” che, sabato 18 marzo, ha celebrato la sua apertura ufficiale al pubblico, in occasione della celeberrima “Festa delle camelie”.  Insegnanti ed alunni, infatti, hanno partecipato alla manifestazione veliterna, giunta ormai alla ventisettesima edizione, apportando il loro personale contributo, organizzando una serie di eventi ed interessanti iniziative, realizzate nel plesso di Via Piazza di Mario e rivolte a visitatori e curiosi esterni. Composto da una selezione attenta e curata di diverse varietà di camelie, il “Camelieto incantato” è stato creato grazie all’impegno di insegnanti, collaboratori ed alunni, che, ancora una volta, hanno potuto riscoprire il contatto diretto con la natura, in linea di continuità  con la tradizione locale. La cerimonia di inaugurazione dello spazio dedicato alle camelie è stato solo l’inizio di un percorso, sapientemente organizzato, negli spazi interni ed esterni della scuola.

A seguire, infatti, nel giardino posteriore, sono stati esposti una serie di quadri, raffiguranti le camelie in tutta la loro bellezza e varietà di colori: un meraviglioso spettacolo da ammirare, una vera e propria piccola galleria d’arte a cielo aperto. La creatività e l’estro della scuola “Zarfati-Carciano” si sono espressi pienamente anche nella realizzazione di un tappeto floreale, raffigurante una camelia, nella sua tonalità più tenue ed elegante. Altrettanto originali ed unici sono stati i manufatti realizzati dai bambini delle classi quarte e quinte, durante il corso extracurricolare “Zarfati Art”. Non sono mancate, inoltre, le sorprese per i bambini, con palloncini e zucchero filato, nonché il sottofondo musicale di Lorenzo Del Proposto, un ex allievo della scuola “Zarfati-Carciano”. Insomma, tante iniziative, infiniti colori che, complici le temperature primaverili, hanno permesso di trasformare il plesso scolastico in un piacevole e divertente luogo di attrazione per i più piccoli.  Un ringraziamento speciale, quindi, è rivolto a tutti coloro che sono intervenuti, davvero numerosi, tra cui il preside dell’Istituto Gino Felci, Giovanni Santulli, il Comitato di quartiere “Colle Carciano”, l’assessore Favetta e le tantissime famiglie con i loro bambini.