Ultimo aggiornamento:  10 Febbraio 2024

“L’Amore e la legge”

 

VI Domenica T. O.

Testo

Venne da lui un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi purificarmi!». Ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, sii purificato!». E subito la lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato. E, ammonendolo severamente, lo cacciò via subito e gli disse:

«Guarda di non dire niente a nessuno; va’, invece, a mostrarti al sacerdote e offri per la tua purificazione quello che Mosè ha prescritto, come testimonianza per loro». Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto, tanto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma rimaneva fuori, in luoghi deserti; e venivano a lui da ogni parte (Mc 1,40–45).

Commento

Allora venne a lui un lebbroso.

Il brano del vangelo riportato si potrebbe intitolare: “L’amore e la legge”. In poche righe si manifesta, infatti, la volontà di Cristo che come ebreo sente la responsabilità della legge che vietava ogni tipo di rapporto con il lebbroso e nello stesso tempo presenta un Gesù che, come portatore di bene, decide di intervenire a favore del malato perfino col toccarlo.

Se vuoi [. . . ] puoi.

Da una parte brilla la fede del lebbroso, desideroso di guarigione, dall’altra, pur nella paura di un eventuale rifiuto, si evidenzia il rispetto ch’egli prova nei confronti della volontà altrui. La naturale indifferenza della gente, unitamente all’emarginazione in cui la legge mosaica obbligava i lebbrosi a vivere, devono averlo progressivamente indotto a maturare un notevole pessimismo nei confronti della solidarietà e della giustizia degli uomini. Ma ora il lebbroso ha dinanzi a sé Gesù che ha conosciuto attraverso il racconto di altri malati guariti; il lebbroso ha dinanzi a sé il Nazareno che libererà l’uomo anche dalle insidie della legge del Sabato.

Il “se” del lebbroso non mette in dubbio la buona volontà di Gesù, e, perciò, non implica le espressioni di contenuto analogo: “se sei buono guariscimi”; “se non lo fai è perché non vuoi”; “non vuoi perché sei come gli altri”. . .

Non è un “se” ricattatorio, né di sfida, quello del lebbroso, nei confronti di un tizio che fa il “bullo” tra la folla osannante, divertendosi a prendere in giro le autorità religiose, al momento assenti. Il “se” del poveretto, destinato a vivere ai margini di una società ostile, è l’espressione di una fede, capace di stare in piedi anche senza le stampelle dei miracoli. La religiosità che si nutre di aspettative miracolistiche non sempre dà il meglio di sé, anzi il più delle volte offre il volto sconvolto e l’anima vuota di chi non ha più speranza. Guarda di non dire niente a nessuno; ma và, presentati al sacerdote. Ma quello si allontanò e si mise a proclamare e a divulgare il fatto.

E i primi a sapere del fatto furono proprio i sacerdoti del tempio che, quali esecutori fedeli della legge, dovettero prendere atto non solo di una “purificazione” avvenuta, ma anche della grave infrazione compiuta da Gesù per aver toccato il malato quando ancora era in uno stato di “impurità”. Poveri preti di allora, messi in difficoltà da un atto d’amore che disubbidisce alla legge. “Ti ha toccato quando tu eri ancora immondo? Se così stanno le cose, ora anche lui è immondo.”

Un atto d’amore non sarà mai uno sberleffo alla legge, là dove l’esigenza di un vivere comune ne suppone la validità. Altra cosa è l’ipocrisia che, sotto il manto del rispetto stupido e fanatico della norma, può nascondere l’arida pigrizia dell’ecclesiastico, che nella virtù dell’ubbidienza, per esempio, ripone ogni sorta di scelta concordata col superiore e giudicata favorevole al proprio tornaconto. Anche il comodo disimpegno del politico che, se cattolico, dimostra ossequio servile alle leggi della Chiesa, può macchiarsi di falsità.

Categorie

13 Gennaio 2024
Nel calcolo dell’assegno divorzile va considerata anche la convivenza prematrimoniale

Nella determinazione dell’assegno divorzile, si dovrà tenere conto anche del periodo di convivenza prematrimoniale, soprattutto se durante tali anni, sono state compiute scelte di vita professionali determinanti. La Cassazione ha ritenuto che, laddove emerga una relazione di continuità tra la fase “di fatto” dell’unione e la fase “giuridica” del vincolo matrimoniale, nel caso di divorzio, va […]

Leggi...
2 Aprile 2022
Da oggi torna il treno delle ville Pontificie

Da oggi 2 aprile riparte il collegamento ferroviario settimanale dalla Stazione sita nella Città del Vaticano con destinazione Castel Gandolfo. Riprende dunque un’attività di enorme interesse turistico, culturale e religioso. INTERSCAMBIO VATICANO/CASTELLI Il collegamento, inaugurato nel 2015, operativo solo nella giornata del sabato fu poi sospeso due anni fa a causa del propagarsi della pandemia […]

Leggi...
1 Dicembre 2021
Viaggi internazionali: il Museo ferroviario di Cuba

Cuba è stato il 7° paese al mondo e il primo in America Latina e nei Caraibi ad aver avuto una rete ferroviaria, precisamente dal 1837. Nel 2002 è stato fondato il Museo del Ferrocarriles, e quest’anno il governo cubano ha avviato il restauro di 60 locomotive esposte nel museo. LOCOMOTIVE ANTICHE Tra queste c’è […]

Leggi...
26 Aprile 2022
La ricerca dell’Oro

Immerso nel flusso mai visto d’informazioni su una guerra, mi sento ora nella funzione d’un cercatore che, dal materiale trascinato scarta tutto, meno le tracce, i granuli, la pepite d’oro. In altre parole sento il bisogno, per quando l’alluvione d’immagini, travolte e contese dalle correnti concorrenti o confliggenti delle “narrazioni” sarà cessata, allontanare, rimuovere, magari […]

Leggi...
27 Ottobre 2023
Risarcimento danno esistenziale per ritardo treno: ma quando arriva?

Con una sentenza definita storica di cui hanno parlato molti giornali, la suprema Corte ha stabilito che, ricorrendo determinate condizioni, il ritardo del treno può costituire per i viaggiatori un “danno esistenziale” da risarcire. L’importanza di questa sentenza sta nel fatto che, per la prima volta, la Cassazione ha riconosciuto il danno esistenziale in una […]

Leggi...
30 Dicembre 2021
Due noci e un limone

Quando il 15 Ottobre del 2003 ebbe inizio l’esperimento della “messa raccontata”, non si pensava minimamente ad una risposta di interventi da parte dei bambini e dei loro genitori così generosa da destare oggi una giusta meraviglia. I genitori nei confronti dei figli e il parroco nei confronti degli uni e degli altri stanno scoprendo […]

Leggi...
velletri life media partner di:
chevron-down