Ultimo aggiornamento:  31 Agosto 2021

Michele Santoro: mafia, politica e potere in “Nient’altro che la verità”

Attualità, potere, politica, malavita e inchiesta: sono solo alcune delle parole chiave che hanno contraddistinto l’incontro di sabato 28 agosto a “Velletri Libris”, rassegna internazionale di letteratura ideata e realizzata da Mondadori Bookstore Velletri-Lariano-Genzano-Frascati e Fondazione De Cultura. Ospite della serata il conduttore televisivo, giornalista e scrittore Michele Santoro, autore del libro “Nient’altro che la verità” edito da Marsilio.

INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE

Dialogando direttamente con il pubblico, il noto autore ha passato in rassegna diversi argomenti prima di entrare nel vivo del libro, che riporta la conversazione con il pentito di mafia Maurizio Avola, un killer “sottovalutato” e organico alle organizzazioni criminali. Santoro, infatti, ha nella sua premessa distinto l’informazione e la comunicazione: “ridurre l’informazione a comunicazione è sempre più frequente. L’informazione dovrebbe ospitare sempre il dibattito, le idee stravaganti, il confronto delle opinioni e in qualche maniera abbiamo vissuto una fase in cui l’informazione s’è ammalata diventando grigia e conformistica. Quante volte vediamo gli stessi ospiti ripetere le stesse cose in tutte le trasmissioni?”.

LA FUNZIONE DELLA TV

L’interrogativo elaborato da Santoro è stato seguito da un’altra domanda cruciale, che dovrebbe essere d’obbligo per ogni conduttore e autore: “mi chiedo sempre quale sia la mia funzione e quella della televisione. Nel caso specifico, nella televisione ero il punto interrogativo. È importante, deve essere messo nel momento in cui l’informazione assume un carattere più uniforme”.

MAURIZIO AVOLA

Dopo questa doverosa introduzione, si è entrati nel vivo di “Nient’altro che la verità”, un libro che ha suscitato anche numerose polemiche proprio per il carattere dell’inchiesta, senza filtri e senza timore reverenziale alcuno. “Avola non è mai stato considerato un capo”, ha spiegato Santoro, “anche perché i capi oggi rimangono all’ergastolo ostativo e non hanno diritto alla riconsiderazione della propria situazione se non si pentono e non collaborano”.

COSA NOSTRA

L’incontro con Avola non è stato semplice per Santoro, che ha dovuto anche fare i conti con i propri principi etici e morali nell’affrontare il dibattito. Il focus sulla malavita organizzata è partito da un assunto: quella della piena operatività della mafia, di Cosa Nostra. “Avola ha confessato ottanta omicidi, dice di aver commesso un delitto importante che riguarda il giudice Scopelliti, colui che falcone voleva interpretasse la parte dell’accusa nel maxi-processo in Cassazione”. “Se Cosa Nostra fosse finita, non avesse una sua struttura esterna ben definita, come mai c’è anche chi non si pente?”, ha aggiunto Santoro.

IL VECCHIO SISTEMA

Spesso la sua professione televisiva si è incrociata direttamente con la malavita organizzata, e in questo il dialogo con Avola è servito a rileggere alcune situazioni e contestualizzarle, come nel caso della maratona con Maurizio Costanzo per Libero Grassi: “in quella trasmissione incitavamo gli italiani a protestare contro la presenza di Cosa Nostra nella società italiana e nel condizionamento della politica. Il ragionamento di Salvatore Riina, di fronte a questo fatto, deve essere stato abbastanza logico: noi di Cosa Nostra siamo un elemento di stabilità, combattiamo chi vuole rovesciare il sistema, abbiamo camminato parallelamente al sistema stesso, abbiamo votato i partiti di governo e ora lo Stato si porta Giovanni Falcone, l‘uomo che sta facendo una legge apposta contro di noi, all’interno del Palazzo? La RAI e la Fininvest consentono a Santoro e Costanzo di mettere in scena questa roba? In tal modo lo Stato maschera la sua crisi, vogliono rifarsi un’immagine ai danni di Cosa Nostra, di tutto il sistema gli unici che devono pagare siamo solo noi? Ecco perché si scatena la strategia delle bombe che finisce nel 1994 quando Berlusconi diventa Presidente del Consiglio”.

NUOVI ORIZZONTI

Lineare ed efficace, il ragionamento di Santoro è proseguito toccando le parti più “scandalistiche” del libro: il volume non sottovaluta come l’ascesa politica di Berlusconi abbia rappresentato un mutamento degli equilibri politici precedenti. Questo mutamento era fondamentalmente quello perseguito dalla mafia: “fare a pezzi il vecchio sistema era l’intento, secondo loro non era più utilizzabile. Io”, ha detto Michele Santoro, “nel libro ammetto di non aver capito questo aspetto, per me c’era ancora un legame tra i partiti di governo e le organizzazioni criminali di Cosa Nostra, un legame sotterraneo, camminavano paralleli e non si incrociavano organicamente. Invece non era così, Cosa Nostra aveva già deciso di fare ameno dei vecchi interlocutori”.

LA SVOLTA DEL ’94

E da qui le dovute deduzioni: “è per questo che uccidono Lima, si fa fuori Andreotti dalla Presidenza della Repubblica. Si erano già portati avanti col programma, insomma, cercavano di produrre qualcosa di nuovo che impedisse alla sinistra di andare al governo. È ovvio che quando Berlusconi è diventato presidente si è creata una situazione nuova”.

Il “piano” che intreccia politica e potere, tuttavia, non è stato proposto dall’esterno: Cosa Nostra non prende ordini, come sottolineato dall’autore. “Ci sono punti di collusione, di confusione e di collegamento, la mafia è arrivata con i contatti politici e massonici ma per sue autonome scelte. Questa rivelazione ha fatto indignare molti miei vecchi compagni di viaggio, visto la battaglia che ho sempre condotto sul caso Berlusconi”. Le dichiarazioni di Avola in tal senso hanno pesato eccome.

UN’INCHIESTA DURA

Tante le parole che il mafioso ha pronunciato e che fanno indignare e rileggere la storia: dal fatto che i servizi segreti non fossero “sul pezzo” alla creazione, da parte dello stesso Avola, dell’autobomba che ha ucciso Borsellino. Un salto all’indietro e in avanti insieme, che in “Nient’altro che la verità” è esplicato con sinuosa precisione. Una serata impegnativa ma preziosa quella di “Velletri Libris”, che si conferma scrigno prezioso di riflessione e rilettura della storia.

Categorie

7 Luglio 2022
Biagio Izzo in Piazza Cairoli a Velletri

Gli appuntamenti dell’estate veliterna continuano. Dopo la “Notte Bianca”, il centro storico è pronto a ripopolarsi venerdì 8 luglio quando in Piazza Cairoli arriverà il noto attore e comico napoletano Biagio Izzo. Prima di lui, alle 20.30, si esibirà il gruppo “4 marzo allo Stadio” per un omaggio a Lucio Dalla. “Tutti in centro” è […]

Leggi...
26 Aprile 2023
Gianluca Piersanti (di CasaPí Velletri) campione del mondo di pizza

Il 18, 19 e 20 aprile si è tenuto il 30esimo campionato mondiale di pizza a Parma: uno dei campionati più prestigiosi, dopo quello di Las Vegas, che nel 2024 compierà ben 40 anni.Tra i 52 paesi partecipanti, provenienti da tutto il mondo, si è distinta la città di Velletri grazie a Gianluca Piersanti, titolare […]

Leggi...
14 Ottobre 2021
Il capitano Franco Baresi al “Tognazzi” per raccontare la storia di un “libero di sognare”

Pomeriggio a tinte rossonere nel grande ritorno alla capienza massima dei luoghi della cultura. Lo splendido Teatro “Ugo Tognazzi”, diretto da Roberto Becchimanzi, ha ospitato il primo evento della Mondadori Bookstore Velletri-Lariano-Genzano-Frascati con un campione ineguagliabile come Franco Baresi, autore del libro “Libero di sognare” edito da Feltrinelli. UN CAMPIONE UNICO Campione del mondo nel […]

Leggi...
19 Novembre 2021
Unitre proiettata al futuro: continuano corsi, lezioni e laboratori in presenza e in DaD

L’Unitre di Velletri prosegue la sua programmazione settimanale. Nei giorni appena trascorsi le interessanti e partecipate lezioni di Letteratura, Critica d’Arte, Mondo Antico e Informatica e le uscite didattiche a Lanuvio e alla Solfatara di Pomezia, mentre per la settimana di San Clemente sono in programma altri incontri – sia in presenza che in remoto […]

Leggi...
4 Febbraio 2022
Il primo ponte di ghisa in Italia fu a Velletri

Prendere il treno da Velletri per recarsi nella capitale può portare con sè, oltre alla noia e all’agitazione per un passaggio a livello rotto o un treno in ritardo, anche altre insospettabili e uniche sorprese. Proprio dopo la trincea che supera in velocità l’abitato di Velletri e la Scuola Allievi Marescialli dei Carabinieri, il paesaggio […]

Leggi...
8 Aprile 2022
“Progetto De Gregori”: domenica di musica e poesia al Teatro Magico

La musica che fa sognare torna a Velletri, questa volta al Teatro Magico, con il “Progetto De Gregori” a cura di Mauro Ingafù. Proprio quest’ultimo, alla voce e al pianoforte, condurrà gli spettatori fra le melodie e i testi di uno dei più grandi cantautori di sempre, capace di accarezzare il cuore e lo spirito. […]

Leggi...
velletri life media partner di:
chevron-down