Sara Ceracchi torna su Chili con “Come fossi una bambola”

Altre Notizie

Nuova fatica artistica per la regista veliterna Sara Ceracchi. È infatti in dirittura d’arrivo il mediometraggio”Come fossi una bambola”, da lei scritto e diretto, nato da un soggetto originale della stessa regista e di Andrea Guglielmino. Una commedia che sarà disponibile su Chili a partire dal 14 febbraio, giorno di San Valentino, e il cui trailer è stato pubblicato da pochi giorni su YouTube.

“Come fossi una bambola”, interamente girato sul nostro territorio, racconta la storia di Susanna, un’operatrice ecologica decisamente poco attraente. Tutto cambia quando riceve in regalo dall’amica Pamela un integratore alimentare, Bonason, capsule che migliorano significativamente l’autostima di chi le assume, e che dovrebbero quindi portare Susanna a prendersi una maggior cura di sé e a migliorare la sua visione del mondo. Dopo l’ennesima cocente delusione d’amore da parte del collega Samuel, di cui è perdutamente innamorata, la donna, inizialmente reticente, si convince a provare le pillole Bonason, ma in quantità eccessiva, tanto da trovarsi trasformata già a poche ore dalla prima assunzione.

“Come fossi una bambola” per me ha significato”, ha detto Sara Ceracchi, “riprendere appieno in mano la mia passione per il cinema e per la commedia. “L’ultimo invito” infatti, che trattava un argomento grave, mi è servito più che altro a riprendere dimestichezza con una tecnica e un linguaggio abbandonati per anni, ma con questo nuovo mediometraggio ho potuto esprimere la cifra che sorregge la mia creatività dalla scrittura fino alla post produzione, ovvero quella umoristica. “Quando io e Andrea Guglielmino”, ha proseguito la regista, “abbiamo messo insieme gli elementi di questo racconto non puntavamo certo a propinare morali di nessun tipo (non c’è nulla di più lontano da noi!), volevamo solo raccontare una storia divertente: per siamo contenti che “Come fossi una bambola”, sebbene indegnamente sulle orme della più classica commedia all’italiana, riesca a far luce su disagi umani che sono all’ordine del giorno”

Per Sara Ceracchi il ruolo è doppio, dalla direzione del film alla recitazione: “Io interpreto Susanna, la protagonista, e benché, recitare e dirigere senza avere un assistente alla regia sia stato senz’altro troppo per me (il film presenta le moltissime imperfezioni e disattenzioni di una regia niente affatto navigata, metto furbescamente le mani avanti!), mi sono molto divertita, e in questo è stato fondamentale il sostegno di attori molto talentuosi, come Riccardo Frezza, Samuel Di Clemente, David Lecca – che ha magnificamente interpretato una donna! -, i quali formano un cast decisamente lussuoso. Mi sento però di ringraziare tutta la squadra, in particolare i maestri compositori Andrea Pace e Michele Di Filippo, che hanno realizzato una colonna sonora coi fiocchi, il fiore all’occhiello di tutta questa operazione”.

Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=lrHHkQNg4lE

TITOLO:Come fossi una bambola
Genere:Commedia
Nazionalità:Italia
Anno:2022
Durata:34’
Versione:Italiana
Regia:Sara Ceracchi
Soggetto:Sara Ceracchi e Andrea Guglielmino
Sceneggiatura:Sara Ceracchi
Cast:Sara Ceracchi, Riccardo Frezza, Samuel Di Clemente, David Lecca
Musiche:Andrea Pace, Michele Di Filippo
Operatore alla macchina:Gianluca Filippi – Piter Kadis
Montaggio:Sara Ceracchi
Produzione:Sara Ceracchi