Ultimo aggiornamento:  27 Maggio 2022

Serie A, le pagelle/2: suicidio sardo, Spezia top, Salernitana da antologia

Dopo le prime dieci, ecco le ultime dieci. La lotta salvezza è stata quella più interessante, mentre molte squadre si trovano nella parte destra della classifica a sorpresa (vedi Sassuolo). Bellissima stagione dello Spezia, capace di resistere alle trappole del calendario. Suicidi di Genoa e Cagliari, che dopo aver rischiato nelle passate stagioni non sono riusciti a salvarsi ancora una volta per demeriti altrui. Salernitana, rincorsa da incubo a sogno.

SASSUOLO 5,5: una squadra che ha in rosa Scamacca, Raspadori, Berardi e che realizza 64 reti ma ne subisce 66 è al di sotto delle aspettative. Nessuno pretende la Champions o l’Europa League dal Sassuolo al primo anno di Dionisi e 50 punti sono tanti, ma visto il livello del campionato arrivare tra le prime dieci poteva essere un obiettivo alla portata.

UDINESE 7: sempre al di fuori di discorsi pericolosi, giovani valorizzati e talenti sconosciuti che sono adesso al centro del desiderio di mercato. Anche l’avvicendamento tra Gotti e Cioffi ha pagato, con il nuovo mister ora ai saluti e già ambito da piazze illustri. La società del direttore Pier Paolo Marino ha dimostrato ancora una volta cosa significhi stare in A con raziocinio e competenza.

BOLOGNA 6,5: il suo condottierio Miha meriterebbe 10 per lo spirito messo in campo, sempre. I suoi, però, hanno avuto un andamento altalenante: prestazioni incredibili contro le big (il 2-1 all'Inter ha deciso lo scudetto, l'1-1 imposto alla Juve ha forse messo fine ai sogni di gloria bianconeri), passaggi a vuoto clamorosi in gare abbordabili. Sul finale di campionato sono mancate le motivazioni e un pizzico di fortuna (il 3-4 a Venezia grida vendetta).

EMPOLI 6: dieci vittorie, undici pareggi, 50 gol fatti raccontano una stagione positiva e più che sufficiente. Il drastico calo nel girone di ritorno, però, ha fatto temere il suicidio sportivo di qualche anno fa quando fu dilapidato un patrimonio di punti incredibile. La vittoria d’orgoglio sul Napoli (un 3-2 vinto con l'emotività più che con la tattica) e i punti di fine stagione contro Atalanta (1-0) e Salernitana (1-1) hanno fatto tirare un sospiro di sollievo, ma la conferma di Andreazzoli forse non è scolpita nel marmo.

SAMPDORIA 4,5: una stagione terminata nella zona verde solo per il regalo di Mimmo Criscito nel derby col rigore sbagliato. La squadra di Giampaolo ha avuto un ruolino di marcia scadente, è apparsa in caduta libera e solo quando si è liberata dalle paure di retrocessione ha offerto la prova migliore della stagione contro la Fiorentina. Se il Genoa avesse pareggiato probabilmente la Sampd sarebbe stata risucchiata nella lotta salvezza, ma il calcio non si fa con i “se” e il quindicesimo posto è tutto sommato meritato.

SPEZIA 7,5: vittima sacrificale secondo diversi profeti del giornalismo, è stata la squadra più rognosa da affrontare per tante big (Milan e Napoli confermano). Senza mercato invernale, con un allenatore che sembrava non dover arrivare a Natale, ha ottenuto la salvezza con una giornata d’anticipo pur inanellando quattro sconfitte nelle ultime cinque. Di più, però, a Thiago Motta e ai suoi non si poteva davvero chiedere.

SALERNITANA 8: la tribolata stagione granata si chiude nella maniera più incredibile con la parola “salvezza” dopo uno 0-4 che ha ricordato da dove si era partiti. Una squadra gestita da due burocrati fino alla deadline del fallimento, poi il ritorno in campo di Sabatini e i suoi colpi da maestro uniti all’intuizione di affidare la rinnovata compagine a un allenatore forte, intelligente e pragmatico come Nicola hanno sancito il miracolo sportivo più impronosticabile degli ultimi cento anni.

CAGLIARI 3: cacciare Semplici dopo tre partite è stato incomprensibile. Prendere Mazzarri e mettere fuori rosa mezza squadra altrettanto complesso da capire. Silurare Mazzarri per promuovere l’allenatore della Primavera alla vigilia della partita della vita ancor più da indagine. Se poi si considera che a Salerno pareggi al decimo minuto di recupero contro una squadra bollita da tre partite in cinque giorni e nell’ultima giornata non riesci a far gol all’ultima in classifica già retrocessa imbottita di giovanissimi, c’è poco da aggiungere.

GENOA 4: forse non esonerare Ballardini sarebbe stato più semplice, meno dispendioso e e maggiormente performativo. Una stagione in cui nessuno credeva di retrocedere perché c’erano squadre più scarse, il Genoa riesce nell’impresa. Parentesi Sheva incomprensibile, Blessin ha fatto bene ma 4 vittorie su 38 partite non possono salvare nessuno. L’illusione dei tre punti contro la Juve è durata lo spazio di una settimana, le radici del fallimento sono affiorate nel derby ma erano già ben salde.

VENEZIA 6: retrocedere ed essere sufficienti? È possibile. L’errore dei lagunari è stato uno solo, seppur pesante: quello di prendere una decisione su Zanetti al punto di non ritorno. La squadra ha pagato l’inesperienza ma forse tra le ultime cinque/sei piazzate è quella che ha giocato meglio. Persino un allenatore alla prima esperienza in A come Soncin è riuscito a fare 5 punti in 5 partite perdendo solo contro la Juve e contro una Salernitana in rimonta. Il salto all’indietro è conseguenza di un temporeggiamento imperdonabile.

Categorie

5 Dicembre 2022
Vjs Velletri, orgoglio e carattere: 3-2 alla Virtus Mole

La Vjs Velletri vince nel finale sul difficile campo della Virtus Mole e ottiene il settimo risultato utile di fila, valevole il terzo posto nel girone e a -2 dalla vetta. I ragazzi di De Massimi offrono una prova di grandissimo carattere contro una compagine attrezzata e ben messa in campo, riuscendo a portare a […]

Leggi...
7 Giugno 2022
Al PalaBandinelli ha preso il via il progetto PES

Si è tenuto, sabato al Palabandinelli di Velletri l’evento di apertura del progetto P.E.S. Velletri, promosso da Sport e Salute nell’ambito del progetto Sport di Tutti Quartieri, dal titolo “I corretti stili di vita”, organizzato dall’ASD Toukon Karate-Do in partnership con altre associazioni ed enti territoriali. GLI INTERVENTI Tra i numerosi ospiti hanno preso parte […]

Leggi...
26 Luglio 2021
Aldo Recine e Giovanni Grenca, la loro morte una ferita dolente nello sport (e non solo) di Velletri

Nella giornata di martedì 25 gennaio 2021 si sono accomiatati da noi due concittadini che hanno onorato e arricchito il tessuto sociale della città di Velletri. Alle ore 10 presso il cimitero locale ed alle ore 11 presso la cattedrale si sono svolti i funerali di Giovanni Grenga per tutti “Nonno” ed Aldo Recine noto […]

Leggi...
21 Novembre 2022
Ancora una vittoria per la Virtus Velletri

Terzo successo in fila per i nostri ragazzi, che si attengono al pronostico iniziale battendo 74-64 la Scuola Bk Roma. Teatro della sfida è stato quest'oggi il parquet dell'impianto Tellene di Spinaceto, campo neutro concesso dalla Smit Roma (per sopperire alla mancanza della nostra Palestra Polivalente) che ha visto i nostri ragazzi ospitare la squadra […]

Leggi...
5 Dicembre 2021
L'Inter domina a Roma e vince 3-0

Ai nerazzurri bastano soltanto i prima 45 minuti per sfoderare una prestazione perfetta e mettere i 3 punti in cassaforte confermando ancora una volta l’ottimo stato di forma. Ad aprire le marcature è calhanoglu, poi Dzeko e successivamente Dumfries. MONOLOGO INTERISTA La partita è un vero e proprio monologo interista, i ragazzi di Inzaghi hanno […]

Leggi...
3 Novembre 2022
Il Toukon centra gli obiettivi al campionato regionale di Assoluti

Domenica 30 ottobre. Una domenica davvero entusiasmante quella che ha visto protagonisti i migliori atleti di karate del Lazio che sono saliti sui tatami del Palabandinelli in occasione della gara di campionato regionale valevole per la qualificazione secca alla finale nazionale del Campionato Italiano categoria Assoluti. UNA GARA PRESTIGIOSA La gara aperta ai soli atleti […]

Leggi...
velletri life media partner di:
chevron-down