“Un omaggio al grande Teatro Sistina” con la Fondazione Magni-Mirisola a Velletri

Altre Notizie

Nel quadro della IV edizione della “Notte bianca” curata da Sebastiano Ciarla e Francesco Lorenzi, si è svolta in Via Luigi Novelli e all’interno del Polo Espositivo Juana Romani l’attesa serata dedicata a “Rugantino”, la commedia di Garinei & Giovannini, Festa Campanile, Franciosa e Magni, che rappresenta la tradizione italiana del Teatro Musicale in tutto il mondo. Con una ricostruzione ideale della piazzetta di Rugantino, realizzata grazie alla collaborazione del Gruppo di Costume “Le Zitelle Velletrane di Gabriele Consoli, Fulvio De Angelis, Sandro Spallotta, Monica Presciutti e Roberta Saragoni che hanno curato il restauro della scenografia realizzata qualche anno fa da Sergio Gotti per una Festa dell’Uva i visitatori sono stati catapultati nelle atmosfere della Roma del XIX secolo con la diffusione delle celebri musiche scritte per lo spettacolo dal maestro Armando Trovajoli.

Faceva da cornice una mostra d’arte contemporanea allestita su Via Novelli con le opere degli artisti che compongono la collezione permanente del Polo Espositivo “Juana Romani”, tra questi Patrizia e Antonella Fatale, Luciana Colella, Anna Maria Gabrielli, Sandro Spallotta, Anna Proietti, Valter Campanella, Ermanno Teodori, Luigi Salvatori dell’Associazione Cento Pittori di Via Margutta. Alle 20.00 il presidente della Fondazione Museo Luigi Magni e Lucia Mirisola Alessandro Filippi ha aperto la serata con una introduzione sull’importanza del dialetto, leggendo due poesie di Giulio Montagna che hanno aperto la rassegna di versi in dialetto letti dalle aderenti alla Vigna dei Poeti, alle quali si sono unite l’artista Anna Maria Gabrielli e Sonia Consoli con due poesie scritte da suo padre.

Al termine è stato proiettato lo spettacolo “Rugantino” con protagonisti Valerio Mastandrea e Sabrina Ferilli. Sabato 13 Luglio alle ore 18 alla Coroncina ci sarà un evento di musica e poesia che darà il via ufficiale alla mostra “Vibrazioni tra cielo e terra” curata dallo storico e critico d’arte Prof.ssa Lucrezia Rubini, questo al termine delle operazioni di bonifica della chiesa che hanno permesso la riscoperta dell’intero pavimento originale, con l’intervento di Sandro Spallotta e Ivano De Rossi, mentre Sabato 20 Luglio alle ore 20 al Polo Espositivo Juana Romani ci sarà la seconda edizione del Premio “Italo e Luigi Laracca”, sacerdoti somaschi istituito lo scorso anno per quelle personalità che lavorano nella difesa e tutela dei minori.