Ultimo aggiornamento:  4 Settembre 2021

“Vane propagande”

Mc 7, 31-37

TESTO

Di nuovo, uscito dalla regione di Tiro, passando per Sidone, venne verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli. Gli portarono un sordomuto e lo pregarono di imporgli la mano. Lo prese in disparte, lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e gli disse: «Effatà», cioè: «Apriti!».E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente. E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo proibiva, più essi lo proclamavano e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!».

COMMENTO

…in pieno territorio della Decàpoli.

Gesù ormai era noto non solo nella Galilea ma anche fuori; la fama di lui si era sparsa sia a mezzogiorno nella Giudea e nell’Idumea ambedue giudaiche, sia nella ellenizzata Decapoli. La collocazione geografica dell’avvenimento è importante, perché spiega in maniera convincente il comportamento di Gesù che a prima vista può apparire strano.

Lo prese in disparte, lontano dalla fola…

Quando si compiono certi miracoli la riservatezza è necessaria, specie se incombe il rischio di strumentalizzazioni da parte dei soliti fanatici che tifano per un Dio che con la natura gioca tranquillamente a palla. La riservatezza poi si rivela provvidenziale  a favore  della stessa persona miracolata che dalla folla viene fagocitata, spesso come reliquia da toccare, o, peggio ancora, come fenomeno da vendere sul mercato delle facili illusioni.

 …emise un sospiro e gli disse: «Effatà» cioè: “Apriti!”…

La parola aramaica “effatà”, conservata dalla tradizione storica e facente parte dell’antica liturgia battesimale, è fondamentale. La meraviglia che nasce dal miracolo esplode e va oltre il fatto singolo e circoscritto. La parola di Cristo “apre” le frontiere del dolore e della miseria umana oggi più di ieri, tanto che i villaggi e le città che popolano il mondo presente non hanno nulla da invidiare alle terre dell’antica Decapoli. Il sospiro che Gesù emise invade ancora oggi le lande aride di una umanità abbandonata a se stessa e diventa grido nel seminare la parola di vita tra le sterpaglie. 

E comandò loro di non dirlo a nessuno.

L’uomo che con poca saliva restituisce la parola al sordomuto è il “Figlio di Dio”. Alla riservatezza dei preamboli segue ora la preoccupazione di non imporre alle intelligenze impreparate una verità difficile da accettare. Il popolo della Decapoli è più evoluto, rispetto alla gente della Galilea, e per questo gli si deve concedere lo spazio necessario per una ulteriore riflessione. La fretta di convertire il mondo non porta a nulla; la pretesa di possedere la verità allontana i volenterosi; il dire che la ragione è tutta e solo da una parte uccide ogni tentativo di dialogo. Gesù, pur definendosi “via, verità e vita”, questi errori li ha sempre evitati.

 «Ha fatto bene ogni cosa; fa udire i sordi e fa parlare i muti!».

Noi, gente di chiesa, siamo fin troppo chiacchieroni e, purtroppo, poco attenti alle parole degli altri; forse per questo le prediche che sforniamo sono in pochi ad ascoltarle. Se non si vuole essere muti, è necessario guarire dalla sordità; se si pensa di non essere sordi, é necessario dimostrarlo con il coraggio della parola. E il coraggio, che non si ha per “grazia ricevuta”, spesso appare agli occhi dei più come semplice e stupido  atto di incoscienza.

Categorie

28 Aprile 2022
La Cassazione sull’addebito della separazione per infedeltà

Per la Cassazione, non può esserci l’addebito della separazione per infedeltà coniugale se l’adulterio è avvenuto quando il matrimonio era già in crisi o irrimediabilmente compromesso. Per meglio comprendere il contenuto della decisione voglio preliminarmente chiarire che un coniuge può chiedere l’addebito della separazione all’altro quando gli attribuisce la colpa del fallimento dell’unione. In altre […]

Leggi...
22 Aprile 2022
Posti auto nel cortile condominiale: è possibile l’assegnazione nominativa?

In alcuni condomìni, con apposite clausole contenute negli atti o nel regolamento condominiale, i posti auto comuni nelle aree destinate a parcheggio, vengono genericamente destinati all’uso esclusivo dei condòmini. In questi casi, si pone il problema della corretta configurazione del diritto riconosciuto ai proprietari delle unità immobiliari di usufruire di uno o più posti auto. […]

Leggi...
3 Febbraio 2024
“Il maligno”

V Domenica T.O. Testo E subito, usciti dalla sinagoga, andarono nella casa di Simone e Andrea, in compagnia di Giacomo e Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli si avvicinò e la fece alzare prendendola per mano; la febbre la lasciò ed ella li […]

Leggi...
13 Gennaio 2024
Nel calcolo dell’assegno divorzile va considerata anche la convivenza prematrimoniale

Nella determinazione dell’assegno divorzile, si dovrà tenere conto anche del periodo di convivenza prematrimoniale, soprattutto se durante tali anni, sono state compiute scelte di vita professionali determinanti. La Cassazione ha ritenuto che, laddove emerga una relazione di continuità tra la fase “di fatto” dell’unione e la fase “giuridica” del vincolo matrimoniale, nel caso di divorzio, va […]

Leggi...
27 Ottobre 2021
Legalità sinistra

Molti avranno appreso dai media la seguente notizia. Il 21/10,  in un palazzo di v. S. Rita da Cascia 30, quartiere Tor Bella Monaca, su iniziativa della Regione Lazio e della Prefettura, i CC, assistiti da personale di ACEA e ATER, e con unità cinofile, hanno riscontrato 6 allacci elettrici abusivi a danno della rete […]

Leggi...
4 Aprile 2022
Adesso il covid fa meno paura?

Voglio sperare, e mi auguro, che questo sia l’ultimo degli articoli che ormai da due anni scrivo sul Covid. Con le recenti tragiche notizie riguardo la guerra in Ucraina e la fine decretata dello stato di emergenza, può sembrare che il famigerato virus del Covid sia miracolosamente scomparso. Le cronache non lo prendono più in […]

Leggi...
velletri life media partner di:
chevron-down