Velletri e Cisterna hanno commemorato i martiri dell’eccidio di Pratolungo

Altre Notizie

In occasione dell’80° anniversario della ricorrenza dell’eccidio nazista avvenuto in contrada Pratolungo il 19 Febbraio del 1944, l’Amministrazione comunale di Velletri ha commemorato il tragico evento per ricordare i martiri. Presso la parrocchia di Santa Maria del Carmine, a Pratolungo, c’è stata la messa in suffragio delle vittime alla quale è seguito il raduno del gonfalone e dei labari delle associazioni militari, delle autorità e delle rappresentanze presso la stele commemorativa in via di Pratolungo, con la deposizione della corona di alloro e i discorsi commemorativi. In fine, c’è stato un corteo presso il luogo dell’eccidio.
Il Sindaco di Velletri, Ascanio Cascella ha tenuto un discorso commemorativo presso il Monumento ai martiri.

“L’eccidio di Pratolungo è uno dei tanti, purtroppo, drammatici eventi che nel 1944 hanno devastato la comunità di Velletri. Infatti, il 19 febbraio 1944 la città è ancora teatro di una strage, quando dodici persone furono assassinate dai soldati tedeschi durante una rappresaglia per la morte di un loro soldato, legittimamente ucciso da un contadino che voleva difendere la moglie da un tentativo di violenza. Una strage terribile di civili innocenti, testimoni indifesi di eventi storici atroci e ignobili”. – Ha dichiarato il Sindaco Cascella – “Nel ricordare i nostri martiri dobbiamo anche impegnarci a preservare e difendere i valori per cui hanno combattuto, dobbiamo essere uniti nel nostro impegno per un futuro migliore, un futuro in cui la pace, la giustizia e l’uguaglianza siano garantiti per tutti. Inoltre, nel ringraziare il Vicesindaco di Cisterna di Latina per la sua preziosa presenza, voglio esprimere la vicinanza alla giovanissima Desyrée Amato e alla sua famiglia per la tragica perdita della madre Nicoletta e della sorella Renée, martiri anche loro della follia umana”.

Presenti anche il Vicesindaco Chiara Ercoli, l’Assessore Fausto Servadio, il Vicesindaco di Cisterna di Latina Maria Innamorato, una rappresentanza dell’Anpi di Velletri, di Cisterna di Latina, il Comitato Velletri Sud, con il suo Presidente Valter Fabiani, l’Associazione Memoria 900, le autorità civili, militari, religiose, le Associazioni combattentistiche e d’arma, alcuni Consiglieri Comunali, nonché diversi partenti delle vittime e testimoni dei fatti del 1944.