Velletri, inaugurata la Mostra “Vibrazioni tra Cielo e Terra” alla “Coroncina”

Altre Notizie

Domenica pomeriggio nonostante l’incertezza del tempo è stata inaugurata alle 18.00 la mostra “Vibrazioni tra cielo e terra” curata dalla Prof.ssa Lucrezia Rubini storico e critico d’arte allestita all’interno della Chiesa della Coroncina il Largo Mons. Giuseppe Centra, messa a disposizione dalla società Domus Maxima. A causa dell’incertezza del tempo sono state esposte per questa prima serata solo le opere che in caso di pioggia improvvisa non avrebbero subito danni. Alle ore 18.00 la Prof.ssa Rubini, alla presenza della quasi totalità degli artisti provenienti da varie regioni d’Italia ha presentato le opere esposte e illustrato le finalità della mostra. Con questo primo evento nell’estate 2024 la città di Velletri potrà “riappropriarsi” di un luogo importante per la sua storia che ospiterà nei fine settimana estivi numerosi eventi di cui verrà data comunicazione sui canali social della Fondazione Magni /Mirisola.

La mostra si fa portatrice della storia, delle vicissitudini, delle distruzioni, che hanno imperversato nel tempo sull’edificio, sia umane – i bombardamenti dell’ultima guerra-, sia naturali – un temporale nel 1969 e un incendio nel 1976. Il recupero qui attuato, specificamente all’insegna dell’arte, strumento eminentemente salvifico per l’uomo odierno, ritengo possa apportare un contributo diverso, ti tipo simbolico, di rilettura, riscoperta, riconoscimento, riesumazione delle stratificazioni di un vissuto, di cui le pietre rimaste sono testimonianza. Il luogo è estremamente evocativo, carico di vibrazioni, e quei ruderi, quelle rimanenze, diventano reliquie e come tali si riattivano, grazie ai “catalizzatori opere d’arte”, che in tale luogo, rivivendo, rivelano dimensioni stratificate nel tempo.

Lo sfondamento della volta apre realisticamente al Cielo, non più con l’illusorio trompe l’oeil dei cieli seicenteschi abitati da angeli e santi, ma con una minacciosa aria plumbea da inquinamento, con ciò stesso mettendo l’uomo di fronte alle sue responsabilità. A terra il pavimento divelto ha lasciato emergere le erbe, testimonianza della forza rinnovatrice e riemergente della Natura, di contro alla furia distruttiva, da parte dell’uomo, della sua stessa actio. Dunque tra Terra e Cielo, l’uomo, sospeso, fragile, privo ormai di punti di riferimento, attraverso l’arte può ritrovare strumenti di rammemorazione, di riflessione, di riconoscimento del sé, per un nuovo percorso di riorientamento. L’opera d’arte si fa luogo, essa stessa, d’incontro ideale, trait d’union tra l’individuale e l’universale. L’uomo, in quanto riconosce il sé nel Tutto attraverso l’opera d’arte, attiva tale presa di coscienza, di tipo non razionale, ma intuitivo ed emotivo.

Le pareti perimetrali creano un dotto privilegiato di collegamento Terra/Cielo, in cui l’uomo diventa fulcro centripeto prima, e centrifugo poi, di vibrazioni, di forze rimosse dell’inconscio collettivo. Ed ecco allora che l’opera d’arte si fa luogo della memoria, di un vissuto ritrovato, per quanto modificato, ristrutturato, frammentato e precario, perché quel ritrovato, parzialmente ricostruito, è destinato a perdersi nuovamente, lasciando tuttavia un segno, una traccia, un punto di leva per un “incontro” successivo. Le opere d’arte realizzate dagli artisti con espressioni tecnico-artistiche di tipo plastico, figurativo, o con installazioni site specific hanno saputo cogliere il tilt, la discresia del triangolo Uomo/Terra/Cielo, triade non più in armonia. L’uomo antropometrico ha perso il senso della misura, diventando pericolosamente antropofago e antropocratico. L’arte potrà prospettare percorsi inediti di riarmonizzazione e riconciliazione dei binomi uomo-Natura, uomo-Ambiente costruito, uomo-Terra, uomo-Cielo, uomo-uomo.

Le opere d’arte diventeranno, allora, “porte regali” capaci di aprire varchi spazio-temporali tra Cielo e Terra, per la ricostruzione, attraverso l’attivazione di circuiti virtuosi infiniti, di un nuovo Cosmo e di una nuova Cosmogonia, sospesi in uno spazio ineffabile, tra la matericità della Terra umanamente delimitata e la spiritualità infinita del Cielo; sospesi, ancora, tra passato e futuro, nel tempo senza tempo della contemplazione, per arrivare ad una nuova antropometria, in armonia con gli elementi della Natura, dell’Umanità, del sé, finalmente ritrovati.