Velletri, musica e poesia alla “Coroncina”

Altre Notizie

Dopo il primo evento di Domenica 23 Giugno, con il quale è stato presentato parte dell’allestimento della mostra “Vibrazioni tra cielo e terra” curata dalla Prof. Lucrezia Rubini – storico e critico d’arte che vede la partecipazione di artisti provenienti da varie regioni d’Italia e dal territorio veliterno e del circondario – grazie al lavoro volontario di Sandro Spallotta e Ivano De Rossi si è proceduto al completamento dell’opera di bonifica e riqualificazione del complesso della chiesa della Coroncina, attraverso la rimozione dei detriti che coprivano gran parte della pavimentazione dell’ex aula liturgica. Così è stato possibile riscoprire la quasi totalità della pavimentazione originale che ha permesso il ritrovamento nella zona dell’altare di uno stemma gentilizio quasi sicuramente della famiglia Latini /Macioti che tanto fece per la salvaguardia e la tutela del piccolo gioiello barocco posto nel cuore della Decarcia di Castello.

Tutto è quasi pronto per il 13 Luglio, quando con un evento di musica e poesia che inizierà alle ore 18.00 ci sarà la presentazione ufficiale della mostra “Vibrazioni tra cielo e terra” con l’esposizione delle opere di tutti gli artisti partecipanti.

Sarà anche l’occasione per parlare storicamente del complesso oggi di proprietà della Domus Maxima srl che l’ha volentieri messo a disposizione per eventi culturali con la speranza di riportare l’attenzione su un bene che rappresenta una importante pagina della storia di Velletri. Esso infatti venne fatto erigere da San Leonardo da Porto Maurizio, il quale durante una missione a Velletri ritenne alquanto disdicevole che uomini e donne praticassero la Via Crucis insieme. Per questo volle che alle spalle della Chiesa di San Lorenzo dove all’epoca c’erano i frati minori osservanti nascesse un oratorio dove gli uomini potessero compiere il pio esercizio. 

Vi aspettiamo quindi per poter visitare questo luogo che nonostante gli anni d’abbandono e di degrado mostra ancora ben visibili le memorie storiche della sua particolare vicenda storica tra queste i segni dell’incendio subito nel 1976 e godere di un momento di poesia con l’attrice Chiara Pavoni che declamerà alcuni versi della stessa Lucrezia Rubini intermezzati dalla voce del soprano Roberta Orlando. Nella stessa occasione saranno presentate le opere della totalità degli artisti che hanno aderito al progetto, contribuendo alla riscoperta di un luogo che aspettava da troppo tempo di tornare a raccontare e a raccontarsi.

Un grazie va agli amici Sandro Spallotta e Ivano De Rossi per aver reso possibile tutto ciò.

Alessandro Filippi