Velletri, premio Pallade d’Argento a Matteo Sartini

Altre Notizie

Si continua sulla scia dello scorso anno – quella della musica. A ricevere la Pallade d’argento lo scorso anno è stato Matteo Scannicchio – anima indiscussa dell’Orchestra del Paese Immobile – quest’anno l’ambito riconoscimento istituito nel 2018 per personalità che si distinguono nel mondo della cultura e dello spettacolo andrà al maestro Matteo Sartini. Diplomato in pianoforte presso il Conservatorio Morlacchi di Perugia ed in Canto presso il Conservatorio A. Casella di L’ Aquila con il massimo dei voti; si laurea in Lettere presso la seconda Università di Roma Tor Vergata. Dopo gli studi accademici inizia una intensa attività concertistica come Tenore solista presso importanti Accademie  e  Teatri  in  Italia  e  nel   Mondo  ( Argentina, Olanda, Belgio, Germania, Francia, America, Giappone, Africa) interpretando i principali ruoli del grande repertorio operistico italiano ed europeo: da Verdi a Puccini a Donizetti.

Matteo Sartini

Inizia contemporaneamente allo studio del pianoforte quello della composizione e della direzione corale che lo porterà nel 2001 a fondare un coro, Armonia Mundi, che tutt’oggi dirige in seno alla sua Organizzazione Concertistica ed Operistica Prima d’opera, da lui stesso fondata. La sua attività di compositore spazia dalla polifonia corale come la   Messa “Emmanuel” per soli Coro ed Orchestra i 30 Affreschi Orchestrali per Orchestra Sinfonica Le Opere Liriche “la notte di Euridice” e “Il Sogno di Sandy” oltre a numerose composizioni per pianoforte solo e musica per Film.

Luca Guadagnini

Il Premio “Pallade Veliterna speciale” andrà a Luca Guadagnini anima indiscussa della manifestazione “Rock per un bambino” musicista anche lui fin da bambino. IL 5 giugno 2007 nasceva una fantastica e dolce bambina di nome Aurora la secondogenita di Luca, purtroppo dalla nascita affetta da un “neuroblastoma”, tumore infantile molto aggressivo, così fu subito ricoverata presso l’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù di Roma dove venne immediatamente operata. Aurora tra varie complicazioni di salute dopo l’intervento, passò più di un anno presso il citato nosocomio, quando purtroppo l’8 febbraio 2009, causa una recidiva della malattia, volò in cielo e da lì cambiò la vita di Luca di sua moglie Genni di suo figlio Simone. Da questo grande dolore nacque un evento di solidarietà molto importante ed a livello nazionale “Rock Per Un Bambino”, grazie all’aggregazione di tanti amici volontari che insieme crearono l’associazione Aurora Music Rock, tra l’altro riuscendo a coinvolgere numerosi big del nostro panorama musicale, giunto alla tredicesima edizione, evento in ricordo di sua figlia Aurora i cui proventi vanno al reparto di neonatologia medica e chirurgica del Bambin Gesù, ad oggi oltre 235mila euro devoluti. Partecipano alla kermesse che si tiene ogni anno a maggio, tanti artisti del mondo musicale, tra cui i suoi amici Gigi D’Alessio, Anna Tatangelo e tanti altri.

Giuseppe Consoli

Sarà premiato sempre con La Pallade speciale il giovane musicista veliterno Giuseppe Consoli che ha fatto della musica la sua ragione di vita divulgando questa sua passione ogni volta che viene coinvolto. Il Premio a Giuseppe Consoli arriva come sprone ad andare avanti su questa strada consapevole del sacrificio ma contento delle soddisfazioni.