Ultimo aggiornamento:  20 Gennaio 2023

"Gesù camminava"

Mt 4,12-23

TESTO

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia:

Terra di Zàbulon e terra di Nèftali, sulla via del mare, oltre il Giordano, Galilea delle genti! Il popolo che abitava nelle tenebre vide una grande luce, per quelli che abitavano in regione e ombra di morte una luce è sorta.

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino». Mentre camminava lungo il mare di Galilea, vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedeo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.

Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.

COMMENTO

Quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato…

Giovanni fece di tutto per mettersi nei guai… per questo, come spesso accade ai profeti, finì in carcere. Chissà in quanti cercarono di indurlo a seguire strade meno rischiose: “Perché prendertela con i potenti della terra? A lungo andare potrebbero stancarsi delle tue invettive e cercheranno di isolarti dal resto del mondo!…”.

Il malvagio agisce in maniera da rendere innocuo il rompitore di scatole, addossandogli responsabilità inesistenti e ponendolo in cattiva luce agli occhi della gente. Essere arrestato, poi, è sempre segno di infamia, anche se non si è colpevoli, e il fango che si scaglia contro l’innocente non sempre viene lavato dall’intelligenza di chi deve giudicare.

Disturbare il potente è sempre pericoloso, comunque, perché agli sguatteri che sono a suo servizio lui darà ordine di controllare la situazione e di riferire su qualsiasi mossa la vittima da colpire farà.

Giovanni è troppo semplice per gareggiare con la furbizia dei prepotenti, ma è anche molto forte per non soccombere alle magagne degli imbroglioni. Giovanni si fece comunque vittima, anticipando il progetto  dell’Agnello che solo più tardi, per salvare il mondo, morirà in croce.

…lasciò Nazaret e andò ad abitare a Cafarnao…

Mossa strategica quella di Gesù: dalla sua città va a Cafarnao, cioè presso il mare, cioè nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, cioè nella Galilea delle genti, là dove erano le tenebre.

Nei Consigli Pastorali lodevolmente si discute sul da farsi, perché l’azione dello Spirito Santo pervada il territorio. Purtroppo, però, quegli spazi sono occupati da persone capaci di produrre solo idee vecchie, solo schemi stanchi di essere appesi anno dopo anno sulle bacheche. E non conta l’età dei partecipanti  a quei “consigli”… Spesso, purtroppo, i più giovani sono i più esposti a subire le chiacchiere, ahimè, prive di futuro. E il prete che fa in quei frangenti? Si guarda bene dall’abbandonare  la dimora sicura di Nazaret, ritenendo caparbiamente che debba essere il mondo a muoversi verso di lui, se vuole salvarsi, partendo dal mare fin sul sagrato della chiesa.

L’immobilismo, la noia, e l’indifferenza sono le risorse dominanti in quei Consigli Pastorali, forse perché vi si proibisce l’uso dell’intelligenza, forse perché tutto si deve  consumare nel rispetto formale dei riti, forse perché la buona volontà e la fatica di chi cerca aria fresca, viene definita stranezza o vano esibizionismo.

Categorie

27 Gennaio 2022
Casabianca, quei sei morti che non abbiamo ascoltato abbastanza

Oggi, a 30 anni di distanza, la ricorrenza di Casabianca, assieme a tanti ricordi dolorosi stimola anche una riflessione amara: dopo tanto tempo, in un'epoca di tecnologie sofisticate e diffuse capillarmente ovunque, un “errore umano” analogo commesso su una ferrovia arretrata come era la nostra, ha causato ancora morte e distruzione. Quei ritardi sull'ammodernamento delle […]

Leggi...
31 Marzo 2022
Il rapporto scuola/cultura/lavoro

Un Seminario "Donne nella Scienza - dalla civiltà greca ai giorni nostri e alla galassia STEM" di sabato 19 Marzo, 2022, tenuto da Vanessa Sterpone e Daniela Di Renzo - Associazione di Promozione Sociale (APS) “Eppur si Muove”, ha suscitato un interessante dibattito sul tema del giusto riconoscimento del lavoro delle donne nella storia e nella società contemporanea, […]

Leggi...
28 Maggio 2022
"Una volta era scandalo"

Oggi è “meraviglia” Ancora una volta Papa Francesco suscita meraviglia con i suoi interventi: “…e se fossero dei marziani a chiedere i sacramenti?”… Ho usato il termine “meraviglia” volutamente, perché in altri tempi, se un semplice prete, avesse detto ciò che ha detto Sua Santità l’altra mattina (12-05-14) in Santa Marta, la Congregazione per la […]

Leggi...
23 Giugno 2022
Comunità energetiche rinnovabili

È da qualche mese che gran parte degli italiani stanno acquisendo familiarità con il termine "Energia": forse perchè tutti i media ne parlano quotidianamente, perchè ce ne siamo accorti che ha un costo crescente,  e soprattutto che la compriamo in larga parte da un unico fornitore. Ma tutto ciò non è una novità! I Rapporti scientifici prodotti […]

Leggi...
14 Dicembre 2022
L'insostenibile prezzo dello spreco

Si è tenuta a Roma lo scorso 5 - 6 Dicembre la XIV Conferenza Nazionale per l'Efficienza Energetica, organnizzata dall'Associazione Amici della Terra, dal titolo "L'insostenibile prezzo dello spreco" ( link ). Nella relazione introduttiva Monica Tommasi, presidente di Amici della Terra, ha detto "È l’efficienza, nella più ampia accezione di uso razionale delle risorse, che consente di conseguire […]

Leggi...
22 Settembre 2021
Cronoprogramma del PNRR

L’Italia, per ottenere i fondi previsti dal PNRR – Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, dovrà osservare e rispettare i 528 obiettivi del cronoprogramma, in merito alla corretta realizzazione delle riforme e degli investimenti, che la Commissione Europea ha previsto per l’erogazione dei Fondi, che verranno erogati in 10 rate con cadenza semestrale fino al 2026. Il rispetto delle […]

Leggi...
velletri life media partner di:
chevron-down